Biblia 2000 - A página principal     

Tema 06

QUAL’ E’ LA CAUSA DI TANTA SOFFERENZA?

¿Cuál es la causa de tanto sufrimiento?A causa dei bombardamenti dell'ultima guerra mondiale, migliaia di persone erano rimaste senza casa e spesso i bambini girovagavano per le strade in rovina alla ricerca dei loro genitori. Molti non li trovarono più perché o erano morti o la crudeltà della guerra li aveva dispersi, li aveva portati lontani dalla loro abitazione che non esisteva più. Ancora oggi ce ne sono parecchi alla ricerca delle loro origini...

... Non conoscono i loro genitori, non sanno da dove provengono. Come questi bambini desiderano sapere da dove vengono e dove andranno, per loro è sconosciuta la vera origine del genere umano e il suo destino.

L'umanità intera è completamente disorientata, è successo qualcosa che le ha fatto perdere la direzione giusta e così, al posto della felicità sente solo frustrazioni, al posto dei benessere incontra solo malattie. Perché soffrono tanti innocenti? Perché esiste il dolore, la malattia e la morte? Dio ha creato un mondo cattivo? Qual è la nostra vera origine? Quale il nostro destino?

Da dove proveniamo e verso dove andiamo? Queste sono le domande che angosciano la maggior parte della gente e alle quali può rispondere soltanto l'Autore della vita!

L'ORIGINE DELL'UOMO

* Dio è il Signore ed esiste prima di tutte le cose che furono create per Lui, ma sorge la domanda: A chi si riferisce quando disse "Facciamo ... " in Genesi 1:26? Parla al plurale e da ciò comprendiamo che la divinità si esplica in tre persone.

IL Padre Celeste: “Un Dio unico e Padre di tutti, che è sopra tutti, fra tutti ed in tutti” Efesi 4:6.

Il Figlio Gesù Cristo: "In questi ultimi giorni ha parlato a noi mediante il suo Figliuolo, ch'Egli ha costituito erede di tutte le cose, mediante il quale pure ha creato i mondi” Ebrei 1:2.

Lo Spirito Santo: “Ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli vi insegnerà ogni cosa e' vi rammenterà tutto quello che vi ho detto” Giovanni 14:26.

Fin dalla prima pagina della Bibbia si fa riferimento alle tre persone della Divinità e diverse citazioni delle Sacre Scritture menzionano la presenza e la partecipazione di Cristo nella creazione del mondo (Giovanni 1:1-4; Colossesi 1:5-17; Ebrei 1:1-3,8-10).

L'uomo fu creato perfetto.

“Questo soltanto ho trovato: che Dio ha fatto l'uomo retto, ma gli uomini hanno cercato molti sotterfugi” Ecclesiaste 7:29.

Dio voleva che l'uomo vivesse felice per sempre e lo mise in una strada di giustizia, di vita senza peccato e senza morte. Dalla Sua mano ricevette quattro doni:

1 La vita eterna.

L'uomo non era stato condannato alla morte.

2 Un carattere retto.

In lui non c'era macchia di peccato.

3 Una meravigliosa dimora.

Non esisteva né dolore né sofferenza.

4 La signoria su tutte le cose.

Adamo era la corona della creazione, la natura intera era sotto il suo dominio.

L'unica condizione era quella di riconoscere Dio come suo Signore e per il suo proprio bene doveva imparare ad ubbidire. Ci può essere felicità in una casa oppure ordine in una nazione se non c'è rispetto per i genitori o per i governanti? La legge di Dio fu incisa nel cuore dell'uomo fin dal principio perché era la base dello stesso governo di Dio.

“E l'Eterno Iddio diede all'uomo questo comandamento: 'Mangia pure liberamente del frutto d'ogni albero del giardino; ma del frutto dell'albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché, nel giorno che tu ne mangerai, per certo morrai” Genesi 2:16,17.

* L'uomo decise di ubbidire ad un altro Signore, a Satana, il Principe delle tenebre che lo sedusse (Genesi 3:1-5).

* Dio ha creato il diavolo? No; era un angelo perfetto fino a quando si ribellò contro il Creatore.

“Eri in Eden il giardino di Dio; eri coperto d'ogni sorta di pietre preziose ... Eri un cherubino dalle ali distese, un protettore. Io t'avevo stabilito, tu stavi sul monte santo di Dio, camminavi in mezzo a pietre di fuoco. Tu fosti perfetto nelle tue vie dal giorno che fosti creato, perché non si trovo in te la perversità. Per l'abbondanza del tuo commercio, tutto in te s'è riempito di violenza, e tu hai peccato; perciò io ti caccio come un profano dal monte di Dio, e ti farò sparire, o cherubino protettore, di mezzo alle pietre di fuoco. Il tuo cuore s'è fatto altero per la tua bellezza; tu hai corrotto la tua saviezza a motivo del tuo splendore; io ti getto a terra, ti do in spettacolo ai re” Ezechiele 28:13-17.

Per aver usurpato il dominio che apparteneva a Dio fu espulso dal cielo (Apocalisse 12:9).

Dio aveva creato l'uomo libero e gli aveva indicato la strada della vita, ma i nostri progenitori scelsero la direzione sbagliata. Disobbedendo, ubbidendo ad un altro signore, sprofondarono nell'abisso; nel lasciarsi ingannare, l'uomo è divenuto schiavo di Satana. 1

“... giacché uno diventa schiavo di ciò che l'ha vinto” 2 Pietro 2:19.

“Non sapete voi che se vi date a uno come servi per ubbidirgli, siete servi di colui a cui ubbidite: o del peccato che mena alla morte o dell'ubbidienza che mena alla giustizia?” Romani 6:16.

* In questo modo l'uomo ha ereditato una strada di peccato e di morte che finisce con la morte eterna e la distruzione finale. 1 doni ricevuti al momento della creazione: la vita eterna, il carattere retto, la dimora meravigliosa e il dominio su tutto, furono sostituiti con la morte, il peccato, una terra piena di tribolazioni e la perdita della posizione originale. In questo modo fu introdotta la sofferenza poiché:

* Il peccato e la morte sono passate a tutti gli uomini:

“Perciò, siccome per mezzo d'un sol uomo il peccato è entrato nel mondo, e per mezzo del peccato v'è entrata la morte, e in questo modo la morte è passata su tutti gli uomini, perché tutti hanno peccato ... ” Romani 5:12.

Fin dalla nascita ci trasmettiamo una natura peccaminosa.

“Ecco, io sono stato formato nella iniquità, e la madre mia mi ha concepito nel peccato” Salmo 51:3.

* Non esiste alcun giusto.

“Siccome è scritto: 'Non v'è alcun giusto, neppur uno. Non v'è alcuno che ricerchi Dio. Tutti si sono sviati, tutti quanti son divenuti inutili. Non v 'è alcuno che pratichi la bontà, no, neppur uno “Difatti, tutti hanno peccato e son privi della gloria di Dio” Romani 3:10-12,23.

* Il profeta Isaia presenta la nostra radiografia in questo modo:

Dalla pianta del piè sano in esso: non vi con che ferite, contusioni, piaghe aperte, che non sono state nettate, né fasciate, né lenite con olio” Isaia 1:6.

Tutti meritiamo la morte eterna.

“Perché il salario del peccato è la morte ... ” Romani 6:23.

Forse ora possiamo comprendere perché esiste la sofferenza. Dio non aveva creato l'uomo per farlo soffrire, ma lo fornì di libero arbitrio. La scelta sbagliata di disubbidire a Dio lo condusse nella valle di lagrime in cui viviamo oggi. Quanto dolore! Quanti soffrono! e la causa è del peccato che c'è nel mondo, ma... come può tornare l'uomo verso la strada della vita? Ritornare indietro, al punto in cui è caduto, è impossibile giacché siamo colpevoli di morte e schiavi del neccato. tuttavia...

C’E', UNA VIA D'USCITA

* Dio non vuole che noi soffriamo, anzi desidera salvarci.

“Di' loro: Com'è vero ch'io vivo, dice il Signore, l'Eterno, io non mi compiaccio della morte dell'empio, ma che l'empio si converta dalla sua via e viva, convertitevi, convertitevi dalle vostre vie malvagie! E perché morreste voi, o casa d'Israele?” Ezechiele 33:11.

Dio vuole renderti felice, perdonarti, accettarti come suo figlio e darti la salvezza. L'unica domanda da porti è: Vuoi che lo faccia?

* Esiste solamente una porta aperta per uscire dalla via della perdizione.

“ Io son la porta; se uno entra per me, sarà salvato, ed entrerà ed uscirà, e troverà pastura” Giovanni 10:9.

C'è una porta che conduce alla salvezza: è Cristo, il nostro Salvatore ed esiste un monte in cui si è attuata la nostra redenzione, è il Calvario su cui poggia il ponte che unisce la morte alla vita. * Ci chiama con tenero amore dicendo “Venite a me voi tutti che siete travagliati e aggravati e so vi darò riposo ... ” Matteo 11:28,29.

* Ma qual è il ponte che può salvare dall'abisso esistente tra la via della morte e la via della vita?

* Ci sono alcuni che credono di essere salvati solo praticando una religione, questo ponte non può salvare dall'abisso.

* Altri credono che è possibile tramite una certa filosofia, ma anche questa non può farlo.

* Parecchi credono che il ponte verso la vita eterna è fatto di buone opere ma, se studiamo le Sacre Scritture, possiamo subito constatare come le opere dell'uomo non possono salvare il peccatore.

* Tanto meno la propria giustizia: la perfezione o l'ubbidienza che siamo capaci di conquistare.

Se nessuna di queste cose costituiscono un ponte che abbia la possibilità di superare l'abisso esistente tra l'uomo e Dio, quale è allora il ponte giusto?

“Egli è la pietra ... E in nessun altro è la salvezza; poiché non v'è sotto il cielo alcun altro nome che sia stato dato agli uomini, per il quale noi abbiamo ad esser salvati” Atti 4:11,12.

Anche Gesù disse:

“Io sono la via, la verità e la vita: nessuno viene al Padre se non per me” Giovanni 14:6 (Proverbi 12:28).

Un grattacielo era in fiamme e da una finestra, in alto, chiamavano aiuto tre persone; arrivarono i pompieri, elevarono una scala che però non era abbastanza lunga, mancavano quasi due metri. Allora un pompiere che era arrivato in cima alla scala, con una mossa eroica, salì fino all'ultimo piolo, fece ponte con il suo stesso corpo e ordinò agli altri di passare su di lui. Passò il primo, il secondo, il terzo, ma, non potendo sopportare altri, cadde nel vuoto...

Durante i funerali erano presenti le tre persone che piangevano tanto benché non lo conoscessero: aveva dato la sua vita per loro: erano lacrime d'amore...

Così Gesù con il suo corpo ha costituito un ponte tra la morte e la vita: una prova di immenso amore!

PROMESSE INCORAGGIANTI

* Chi ha il Figlio, ha vita.

“E la testimonianza è questa: Iddio ci ha data la vita eterna, e questa vita è nel suo Figliuolo. Chi ha il Figliuolo ha la vita; chi non ha il Figliuolo di Dio, non ha la vita. Io vi ho scritto queste cose affinché sappiate che avete la vita eterna, voi che credete nel nome del Figliuol di Dio” 1 Giovanni 5:11-13.

Lei può aggrapparsi a questa promessa di vita eterna! Unione con la speranza e con la certezza è vivere felice!

* Egli non respinge nessuno

“ ... e io non caccerò fuori colui che viene a me” Giovanni 6:37.

Dio vuole giustificarci gratuitamente cioè dichiararci il suo perdono e la sua riconciliazione mediante la sua grazia, per Cristo.

“E son giustificati gratuitamente per la sua grazia, mediante la redenzione che è in Cristo Gesù” Romani 3:24.

* Promette che non ricorderà più i nostri peccati.

“Io, io son quegli che per amor di me stesso cancello le tue trasgressioni, e non mi ricorderò più dei tuoi peccati” Isaia 43:25.

CHE POSSO FARE...

... per essere chiamato figlio di Dio e ricevere la salvezza?

“Ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figliuoli di Dio; a quelli, cioè, che credono nel suo amore” Giovanni 1: 12.

* Dobbiamo accettarlo come Salvatore e Signore della nostra vita, allora potremo godere del suo amore ed avere la certezza che siamo suoi figli (Romani 8:16).

Una giovane era andata via da casa sua per condurre una vita più libera e fare la ballerina ma, nel bel mezzo della sua vita splendida, ebbe un incidente e fu condotta in ospedale in uno stato grave. Da lì scrisse alla madre: “Mamma, so che morirò, forse molto presto, hai qualcosa da dirmi? ”.

Non appena ricevette la lettera, la mamma corse all'ufficio postale e mandò un telegramma il cui contenuto era: “ "Poiché in lui noi abbiamo la redenzione mediante il suo sangue, la remissione de' peccati, secondo le ricchezze della sua grazia"” Efesi 1:7. Tua madre ti ama”.

Un telegrafista in quel giorno stava per suicidarsi, ma decise di andare a lavorare per l'ultima volta. Quando ebbe tra le mani questo telegramma ne lesse il testo più di una volta e poi si inginocchiò nel suo ufficio e offrì il suo cuore al Signore. La giovane, a sua volta, ricevendo quel telegramma, sentì tanta pace nel pensare alla promessa del perdono di Dio, si aggrappò a questo e alla gloriosa speranza che contribuirono al recupero della sua salute. Erano state salvate due vite.

Dio è ansioso di salvare anche noi ma dobbiamo saper scegliere.

* Caro amico, su quale strada si trova? Ne esistono solo due: quella della vita e quella della morte; quella della salvezza e quella della perdizione; la strada di Gesù Cristo e la strada del peccato. Accettando Gesù noi ci identifichiamo con Lui e con la sua Legge poiché Egli è il nostro Signore. Gli ubbidiamo per amore, per ciò che Egli ha fatto per noi, e cercheremo di vivere con Lui giorno per giorno. Lo scopo della sua morte è stato quello di liberarci da questo mondo di sofferenze e di dolore e di darci l'eredità della vita eterna. * Questa è la buona notizia, la migliore notizia, il MESSAGGIO DI AMICIZIA, non le sembra?

Fonte: http://www.biblia2000.com.ar/guias/italiano/biblia-06.htm


QUESTIONARIO DI RIPASSO

QUAL’ E’ LA CAUSA DI TANTA SOFFERENZA?

1. Facciamo è plurale: quanti erano presenti durante la creazione?

Il .............................., il.............................. e lo..............................

2. L'uomo fu creato:

a- Quasi perfetto

b- Perfetto

c- Imperfetto

E doveva..........................per rimanere nel cammino di Dio.

3. Dio non creò il diavolo, che invece era un............................................................ protettore

4. L'uomo scelse la:

a- Ubbidienza

b- Disubbidienza

nel lasciarsi ingannare e divenne uno schiavo di Satana.

5. Le conseguenze:

Fummo destinati alla............................................................ ( Rom 3:10 )

IL salario del peccato è............................................................( Rom 6:23 )

6. Gesù ci chiama con tenero amore dicendo: ..........................................................................................

7. Quale è il nome per il quale possiamo essere salvati?

a- Gesù

b- Maria

c- Mosè

d- Maometto

8. Dio ci ha dato la vita eterna. Dov'è questa vita eterna?

a- In noi

b- Nel Figlio di Dio

c- Nella chiesa

Chi ha il Figlio, ha............................................................ eterna.

9. Gesù non rifiuta nessuno, anzi dice: "Chi ha me............................................................ non lo scaccio............................................................ ( Gio. 6:37 )

10. Come diventano quelli che ricevono Gesù, secondo Giovanni 1:12? ............................................................

 

Nome:

Inderezo:

E-mail:

Rispondere al questionario, copiare e allegarlo in un e-mail, inviarlo a , per ricevere alla fine un attestato.


Prossimo Tema: QUATTRO PASSI PER GODERE DELLA PACE INTERIORE E VIVERE FELICI

Volver a Temas de Interés GeneralTornare alle Guide per la Ricerca Biblica